Storia del Milan in serie A

partite del milan in serie a

Il Milan è una delle società calcistiche più antiche d’Italia: è stata fondata nel 1899 ed ha disputato 81 campionati di serie A dal 1929-30, anno in cui il massimo campionato italiano è diventato a girone unico.
La storia del Milan in serie A si lega ai nomi dei grandi campioni che vi hanno militato e dei grandi allenatori che nel corso degli anni si sono alternati sulla panchina della squadra milanese.

Un pò di statistica

Il Milan ha vinto 18 scudetti ed è la seconda squadra più titolata d’Italia dopo la Juventus e a parimerito con l’Inter.

L’ultimo scudetto risale al campionato 2010-11 sotto la guida di Allegri mentre l’unico altro scudetto vinto in questo secolo è quello del campionato 2003-04 con Ancellotti in panchina.

A livello mondiale è la seconda squadra per trofei internazionali vinti, a parimerito con il Boca Juniors e il Real Madrid e dietro soltanto all’ Al Ahly. Nel corso della sua storia il Milan è retrocesso per due volte: la prima nel 1979-80 in seguito allo scandalo del Totonero, la seconda nel 1981-1982 in seguito al terzultimo posto in campionato.

partite del milan in serie a
Storia del Milan in serie A

Dopo alterne vicende negli anni precedenti alla seconda guerra mondiale, nei quali conquistò comunque 3 titoli di campione d’Italia sebbene questi giunsero quando la serie A non era ancora un campionato a girone unico, la prima affermazione nel dopoguerra giunse nel campionato 1950-51 grazie alle prodezze del trio d’attacco formato da Gren, Liedholm e Nordhal, oltre che alle parate di Buffon. In quegli anni il Milan costruì una squadra formidabile con gli innesti di, tra gli altri, Schiaffino, Radice e Cesare Maldini, e conquistò ben 4 scudetti in dieci anni.

Negli anni ’60 la squadra continuò a mietere successi in Italia e in Europa sotto la guida di Nereo Rocco, artefice di un calcio che si basava soprattutto sulla solidità difensiva per poi colpire in contropiede grazie all’abilità dei grandi attaccanti in rosa.

Per attendere il decimo scudetto però bisognerà attendere il 1978-79, quando riuscì a superare il Perugia di Castagner che chiuse il campionato imbattuto.

Pochi anni prima, nel 1973, lo scudetto era sfuggito clamorosamente all’ultima giornata a favore della Juventus in seguito alla sconfitta per 5-3 a Verona, episodio poi passato alla memoria collettiva come “la fatal Verona”.
Gli anni ’80 iniziarono nel peggiore dei modi ovvero con due retrocessioni in tre anni: la società navigava in cattive acque e rischiava il fallimento, quindi il presidente Farina fu costretto a vendere la proprietà a Berlusconi.

Con la presidenza di Berlusconi il Milan iniziò ad acquistare una serie di grandi campioni come Donadoni, Van Basten, Gullit, Savicevic, che si andarono ad unire ad una serie di calciatori provenienti dal vivaio tra i quali Maldini, Costacurta, Tassotti e Baresi, formando così una delle squadre più forti dell’intera storia del calcio.

Sotto la guida di Arrigo Sacchi prima e di Fabio Capello poi, il Milan dominò la scena in Italia, vincendo 6 scudetti in 10 anni, arrendendosi solo al Napoli di Maradona, alla Samp di Vialli e Mancini e alla prima Juve di Lippi.

Dal 1996 in poi il Milan ha vinto solo tre scudetti e negli ultimi anni non è riuscita a qualificarsi per le coppe europee, anche se con il recente ingresso del nuovo socio Mr. Bee la proprietà ha intenzione di rivivere i fasti del passato.

Fonte: www.sky.it